intermezzo logico (prima che muoia anche lei)

e la logica, sta toccando ferro!

in questi ultimi giorni ho preferito stordirmi di zuccheri per evitare, anche solo lontanamente, di pensare (ancor prima di scrivere) qualcosa su ciò che è/sta successo/succedendo al congresso statunitense e al parlamento dell’italico stivale.

purtroppo, mi è salita la glicemia a 250 e, per evitare di trasformarmi in un marshmallow, ho stoppato l’assunzione di zucchero: la conseguenza è che sono tornato a rendermi conto del mondo in cui vivo.

sullo stivale, oramai, c’è poco da scrivere: i politici calzolai italici si rivelano sempre più mentecatti. e riescono, ancora oggi, a lasciare spazio di parola a robi come mastella. se, a meno che salvini e la meloni, per la paura di mettersi sul serio a governare con la pandemia in corso, non troveranno qualche inciucio, saremo l’unico paese democratico ad andare al voto con un virus che accoppa proprio l’elettore medio: gli ultra 65enni. il direttore dell’inps sta già festeggiando!

ma sull’ex presidente pel-di-carota (ex perchè ha smesso di essere arancione, non un “presidente”), la mia vanità di filosofo-sociologo della mutua, mi costringe a spendere energie neuronali.

la dimostrazione di quanto possano radicarsi anche le più enormi puttanate, trasformandosi, come per magia, in verità assolute, in teoremi matematici o in fedi indissolubili, si sono violentemente mostrate al mondo il 6 gennaio con la morte di 4 uomini poveri di spirito e di un poliziotto che stava facendo il suo dovere: difendere la sede di quella che, da 100 anni, film e media ci hanno santificato essere la prima democrazia al mondo.

inizio con l’esprimere 2 concetti che sembrano non avere alcun collegamento.

concetto 1

goebbels mise per iscritto già oltre 80 anni fa che qualsiasi informazione, notizia, concetto, ecc., ripetuto con frequenza in tutti i modi possibili e con tutti i media a disposizione, diventano veri in pochissimo tempo anche senza nessuna prova dimostrata.

ci ha costruito la propaganda nazista.

concetto 2

negli anni ’80 sono esplosi, anche in italia, i cartoni animati giapponesi , quelli che, adesso, da specialisti quali siamo diventati, chiamiamo anime.

visto che erano diversi da qualsiasi cosa mostrata fino a quel momento, per denigrarli e sostenere con fierezza l’animazione europea, qui da noi, ma non solo, si diceva che erano fatti con il computer.

nel 1980, tantissimi, su giornali, televisioni e banconi dei bar, dicevano che in giappone esistevano computer che realizzavano, da soli, i cartoni animati di Capitan Harlock, Goldrake, Mazinga, ecc., tutta roba creata nella seconda metà degli anni ’70.

la pixar nacque nel 1986 e, una parte dei loro ingegneri, nel 1984, impiegarono mesi per realizzare 1 minuto e 54 secondi di “le avventure di andrè e wally”, il primo esempio con trama di cgi (computer-generated imagery): una cosetta, oggi, veramente molto brutta a differenza di qualsiasi episodio di Capitan Harlock.

in giappone, invece, prima della pixar e dopo solo 30 anni da Hiroshima e Nagasaki, erano riusciti a creare computer che realizzavano centinaia di episodi da 20 minuti di cartoni animati.

o, almeno, questo è quello che credevano milioni di persone in tutto il mondo.

milioni di persone che non si soffermavano a pensare alle implicazioni realistiche e logiche di questa affermazione.

fine dei concetti che sembrano non avere nessun collegamento.

le leggende metropolitane esistono da sempre.

di sicuro, anche a pompei c’era qualcuno che diceva che, un suo amico, aveva caricato sulla biga un autostoppista fantasma.

ma queste storielle simpatiche, anche se molti le credono verissime, sono, appunto, storielle simpatiche.

dimostrano, però, come l’uomo riesca a credere a qualsiasi cosa senta o legga.

nella maggior parte dei casi, ci crede perchè, per pigrizia, ignoranza o incapacità cognitiva non analizza o non può analizzare criticamente e razionalmente ciò che ha appena sentito o letto.

per crederci, però, l’uomo pigro ha bisogno di 2 cose: un oratore o scrittore di cui si fida, oppure migliaia di oratori o scrittori che ripetono la stessa cosa.

oramai, l’uomo pigro, spesso, non si fida più di nessun oratore o scrittore competente (i leader politici fanno storia a sè, proprio in quanto incompetenti), ma si fida dello stesso concetto ripetuto migliaia di volte.

ma come fa, l’uomo pigro, a sentire o leggere lo stesso concetto migliaia di volte?

perchè sente o legge SEMPRE E SOLO quello che VUOLE sentire o leggere.

se un no-vax, fedele al credo no-vax della correlazione autismo-vaccini, sentisse dire che, l’ex dott. wakefield (ex perchè radiato) autore, nel 1998, dell’articolo scientifico sul lancet (articolo poi sconfessato dal giornale) che metteva in correlazione 12 bambini autistici con la somministrazione del vaccino trivalente morbillo-parotite-rosolia, dicevo…se un no-vax sentisse che, in realtà, wakefield scrisse quell’articolo perchè ricevette dei soldi per giustificare una causa legale di risarcimento danni e per questo è stato, giustamente, radiato e incriminato per la truffa che ha messo in atto, direbbe: “non è vero! lui dimostrò la verità che bigpharma vuole manipolarci e poi è stato distrutto!”. peccato che le indagini dimostrarono che i soldi li prese veramente (ma lui si difese dicendo che li prese per un’altro studio).

la semplice obiezione che, se wakefield avesse ragione, dovremmo essere circondati da autistici, visto che il trivalente esiste dal 1971, non sarebbe recepita come valida.

è anche vero che, ogni anno, esattamente come per l’assunzione di moltissimi farmaci, muoiono alcuni bambini per gravi reazioni allergiche ai vaccini.

la morte dei bambini, come di qualsiasi altra persona a causa di effetti collaterali è implicata nel concetto di rischio: concetto che, come più volte ho espresso, solo in pochi comprendono, anche a causa dei politici che alimentano la leggenda del rischio zero…che, in quanto leggenda, non può esistere.

non viene recepita come obiezione valida neanche il fatto che, in molti paesi, morbillo, parotite e rosolia, come tante altre malattie, sono state quasi eradicate (e non fatemi parlare degli effetti, oltre alla morte, di queste patologie…io sono diventato mezzo sordo, molto probabilmente, proprio perchè ho contratto il morbillo a 1 anno). se volete, qui troverete una lettura veloce e semplice su come sia nata la correlazione vaccini e autismo.

neanche la voce di un MILIONE di ricercatori medici che confermano l’efficacia e la sicurezza dei vaccini viene recepita come accettabile.

meglio 1 UN 1 solo medico o volto amato che dice il contrario.

perchè dice e conferma quello che, in realtà, l’uomo pigro vuole sentirsi dire.

quindi, ricapitolando, abbiamo della gente che crede solo a quello che vuole e neanche nozioni, fatti o conferme scientifiche o dichiarazioni ufficiali fornite da organi dello stato vengono considerati degni di attenzione…anzi, alcune conferme ufficiali sono recepite come prove della cospirazione.

infatti, neanche la bocciatura di oltre 40 cause farlocche, intentate dal comitato elettorale di trump, tutte stroncate da tribunali statali e dalla corte suprema statunitense (corte strapiena di giudici scelti proprio da trump), hanno fatto rinsavire i fedeli dell’ex pel-di-carota: il loro messia dice che i democratici hanno imbrogliato e così deve essere: come si possa imbrogliare in migliaia di seggi, poi, è una cosa del tipo “i cartoni giapponesi sono fatti al computer”.

così come di fantascienza becera è l’idea che, tramite i vaccini per il covid-19, l’entità che governa il mondo inoculi microscopici chip/virus/sostanze che rendono l’uomo manipolabile, schiavo o, come ho letto oggi, impuro: i prototipi dei più piccoli micro-robot “medici” costano come il prodotto interno lordo di uno stato africano e pensare di realizzarne miliardi significa che “non ci si sofferma a pensare alle implicazioni realistiche e logiche di questa affermazione” (visto che sono vanesio, mi autocito!).

ma torniamo a quell’essere immondo che fa morire i suoi fedeli  e i poliziotti che difendono la democrazia (nonchè i parlamentari repubblicani, cioè quelli che, stupidamente, lo sostengono).

trump, da sempre, vuole essere creduto perchè lo dice lui.

il “belive me” (“credetemi”) di trump è da sempre oggetto di presa per il culo da parte di tutti i comici e vignettisti satirici degli stati uniti e del mondo.

ma oggi, nel 2021, negli stati uniti ci sono almeno 20 milioni di persone che credono che trump sia stato derubato a causa di una cospirazione, semplicemente…perchè lo dice lui.

lui…e anche “un amico di mio cugino che ha agganci alla cia”.

un essere narcisista che, da sempre, viene considerato un sociopatico da molti psichiatri e che vuole sempre essere creduto e obbedito a prescindere, che durante la sua presidenza ha raccontato una serie di balle tali da tappezzarci un intero muro di 5 metri e che, negli anni ’80, scriveva qualcosa come “bisogna sempre far credere di vivere al di sopra degli altri per ottenere quello che si vuole”…in pratica, un bamboccione figlio di papà sparapalle a propulsione atomica (ma molto furbo) può essere degno di fiducia?

no. non può.

ma lo è.

e lo è perchè, prima è sempre stato molto bravo a costruirsi un personaggio di successo, mentendo da subito sul fatto che il padre gli avesse lasciato solo 1 milione di dollari e non un impero immobiliare, dopo, perchè si è circondato da esperti di marketing e immagine che hanno costruito una rete di profili e pagine sui social che denigrano sistematicamente tutti i suoi oppositori.

per questo i fedeli di trump non credono neanche ad un organo federale come la corte suprema (ripeto, con 3 giudici nominati dallo stesso trump e con uno squilibrio tra conservatori e progressisti come non si è mai visto).

così come i no-vax non credono a sentenze di tribunali o alle riviste scientifiche più importanti al mondo.

la fede non è mai ragionevole.

e i fedeli si radunano sempre attorno ai loro profeti.

e i profeti più grandi, oggi, si misurano in milioni di follower.

evviva i social!

evviva la fede che ci rende tutto più semplice e rende l’uomo pigro!

amen

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...