e se non si fosse buttata? se fosse tutto un astuto piano?

una delle notizie che mi ha più colpito in questi ultimi tempi, è la scomparsa, oramai da 4 mesi, di una ragazza di 31 anni, ginecologa, che lavorava in un ospedale di trento dove, insieme a molti altri, veniva maltrattata dai tanti megadirettori galattici fid’d’put.

in italia, funziona così.

nelle università, nei grandi uffici, negli ospedali, nelle banche: una banda di cialtroni che ha ottenuto la posizione grazie a qualche grandissimo calcio in culo, gestisce il potere mediocremente come descriveva Confucio: “un uomo mediocre terrà solo agli agi, al favore e al profitto”. io ci aggiungo…anche al sadismo.

questi buffoni che sono nei posti di potere (di cui molti politici sono esempi perfetti: tutti quelli del gruppo misto, salvini, toninelli, renzi, ecc., ecc., e, purtroppo, ecc.) non combattono mai il lassismo, l’assenteismo o la mediocrità dei loro sottoposti…no, loro vogliono solo mostrare la loro forza, la prestanza della loro posizione, il loro potere. esattamente come quella banda di mentecatti di guardie carcerarie che ha menato e bastonato i detenuti del carcere di santa maria capua vetere: ma solo scippatori poveracci, non i camorristi e i loro protetti. e salvini, complimenti, non ha perso tempo a difenderli.

la macchina di sara è stata trovata vicino ad un ponte sul torrente noce, nel comune di cis, 40 km da trento, a un passo dall’ambulatorio dove aveva chiesto di essere trasferita.

è un ponte molto alto quello di mostizzolo, molto, molto alto.

ti viene subito da pensare che una persona, frustrata e impaurita, vittima di mobbing e bullismo, se lascia auto e cellulare lì vicino, non lo faccia per andare a funghi o per vedere l’acqua che scorre 80 metri più in basso.

ho visto molte foto di sara. ha un bel sorriso, che sprigiona energia. quella che, sembra, le hanno prosciugato le zecche mediocri dell’ospedale di trento.

le accuse mosse dalla sorella di sara verso l’ospedale, in generale, e il reparto dove lavorava, in particolare, hanno sollevato un gran polverone che ha riaffermato come, in quell’ospedale, ci comandino dei mentecatti.

sono partite le indagini interne (immagino da parte di investigatori come poldo, l’amico di braccio di ferro), poi dell’ordine dei medici di trento (anche qui, solo gente che vuole far emergere la verità), poi della magistratura e, infine, il ministro della salute ha dichiarato che invierà gli ispettori ministeriali. ministero che ha avuto bisogno che tutti i giornali parlassero per 2 mesi di una povera ragazza vessata da feccia umana, prima di intervenire.

oggi ho letto che il direttore generale dell’ospedale si è dimesso.

fatto assai strano sull’italico stivale. avrebbe dovuto accogliere gli ispettori tra 3 giorni.

su un altra pagina, sempre oggi, ho notato una foto di sara che non avevo ancora visto.

sorride in maniera strana…in una maniera che poco si associa ad una persona debole.

un sorriso…che mi pare sardonico.

e allora ho capito.

sara è nascosta nella mansarda del nonno a forlì e aspetta che tutte le merde che rendevano la vita infernale a lei e ai suoi colleghi siano sputtanate e sbattute in prima pagina. poi verrà fuori, sorridente come sempre, dicendo che si è nascosta perchè i megadirettori l’avevano anche minacciata: così non sarà neanche troppo punita dalla nostra ferrea (contro i deboli e piccoli) giustizia.

sarebbe bello.

andrei a trovarla per complimentarmi.

sarebbe bello.

Categorie: Tag: , , , , ,

2 commenti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...